Paura di volare e fobie

Come da tre settimane a questa parte, ieri mattina sono andato in diretta su Radio Bruno dove ogni lunedì alle 08:30 parliamo di un argomento d’attualità che il Coaching aiuta a risolvere o a migliorare, sintonizzati e ti farai anche qualche risata.

Questo lunedì abbiamo parlato delle Fobie, paure talvolta bloccanti che spaventano al solo pensiero.

Paura delle folle, paura dei cani, paura degli uccelli, paura di volare, mental coach, federico villani mental coach, fobie siena, fobie arezzo, fobie reggio emilia, fobie modena, fobie parma, fobie perugia, fobie firenze

Le paure infatti NON si manifestano solamente quando sei di fronte alla cosa che rappresenta la tua paura ma ti assalgono e si innescano anche solamente quando ci pensi.

Non è vero ?

Ciò significa che se hai paura di volare anche quando sei seduto comodamente sul divano di casa tua e facilmente pensi al prossimo viaggio di affari o di vacanza, ti assale una forma di malessere e probabilmente pensi a come evitare di prendere quel maledettissimo aereo.

Lo stesso vale per ogni altra paura quella dei cani, degli uccelli, del buio, dei luoghi affollati, dell’ascensore e così via.

Interessante capire questo.

Significa che NON è il volo in sé il problema ma l’idea che noi abbiamo del volo.

Infatti prima che nella realtà accade dentro la nostra mente e ciò ci fa provare immediatamente una sensazione di malessere.

Quasi sempre le persone limitano la propria vita in funzione di questa o quella paura, ad esempio non fanno un certo tipo di lavoro perché c’è da volare spesso oppure stanno malissimo per ore, giorni, addirittura mesi prima di prendere l’aereo magari obbligati dal partner o dagli amici o dal capo.

Pensa per un momento: quante opportunità ti ha fatto perdere questa paura ? Quanti soldi non hai potuto guadagnare ? E ancora quanto malessere hai provato ? E tutto questo, per quanti anni ?

Se tutto ciò è per te inutile e dannoso, STOP IT. Decidi di fermarlo, ora.

In ogni fobia c’è uno schema che si ripete: all’idea di questa cosa, mi viene paura, sto male ed addirittura posso bloccarmi.

Spesso i nostri pensieri complicano le cose: ho visto un film sul disastro aereo, è caduto un aereo anche l’altro giorno, ad ogni rumore o vibrazione penso stia accadendo qualcosa che non va.

La consapevolezza è importante ma non è sufficiente, ti faccio un esempio concreto.

Una ragazza che ho conosciuto aveva la fobia dei cani, lei si comportava così: anziché passeggiare lungo il marciapiede, camminava direttamente dentro la carreggiata della strada, perché la paura di incontrare dei cani nelle case limitrofe al marciapiede la faceva stare malissimo e si bloccava.

Ora, fermiamoci un secondo.

A tuo parere è più rischioso farsi abbaiare sul marciapiedi da un cagnolino chiuso e bloccato dietro al cancello di casa sua o prendersi una “macchinata” da una automobile che corre in mezzo alla strada ?

Anche secondo me  😀

Razionalmente la ragazza sapeva di rischiare MOLTO di più camminando per strada MA la paura fa 90 e inconsciamente non riusciva a controllare i suoi comportamenti.

Vuoi sapere come è andata ? Ora passeggia serenamente sui marciapiedi ed anzi, si avvicina ed accarezza i cani di piccola taglia e via via l’ho ha fatto anche con quelli più grandi.

E’ normale che tu sappia esattamente che la cosa che stai facendo non ha senso ma non riesci ad evitarla per paura.

Per fortuna qui ci viene in aiuto la PNL (programmazione neuro linguistica) con la quale si lavora sia a livello conscio che inconscio per smontare questo collegamento Volo = Paura o Qualsiasi altra cosa = Paura.

Quello che facciamo è lavorare con la nostra mente SENZA bisogno di cani o aerei nei dintorni; come abbiamo detto prima, la paura è prima di tutto nella nostra mente e noi lavoriamo proprio lì per smontarla.

Immaginati che la nostra mente “agganci” un picco emozionale negativo (paura) ad una immagine (aereo) e che questo collegamento sia così forte da rimanere così per sempre anzi, da rinforzarsi ogni nuovo evento che accade.

Magari la paura è nata tanto tempo fa da un singolo evento importante o magari no ma a noi poco importa, vogliamo toglierla per sempre.

Ogni volta che pensiamo o viviamo quella cosa, immediatamente la nostra mente ci fa vivere l’emozione che ha agganciato, in questo caso la paura.

Quello che facciamo, attraverso dei potenti e sofisticati strumenti di coaching, è “sganciare” l’emozionale negativa (forte paura) dall’immagine (aereo), per poi agganciare  alla medesima immagine (aereo) un’ emozione positiva o neutra.

L’efficacia del lavoro di coaching è immediata e funziona con i più diversi tipi di fobia.

Proprio per questo motivo anche un mio cliente, Daniele Bedenghi, avrebbe voluto prendere un volo immediatamente alla fine del nostro lavoro insieme; lo ha fatto un mese dopo con questo straordinario risultato.

Ora che sei consapevole di poter risolvere ogni tua paura (o quella di una persone a te vicina), puoi smettere di limitarti o soffrire inutilmente, decidi di vivere liberamente la tua vita.

Vola nella tua vita con serenità e libertà.

Commenti (7)

  • ho letto riguardo alla paura di volare. viene fatto un paragone con la paura dei cani: riutilizzo questo paragone. io ho sempre amato i cani, ma quando ero piccola avevo un po’ di paura ad avvicinarmi a cani grossi; nonostante la forte passione, ero vinta dalla paura. qualche anno fa, combattuta la paura, ho rischiato di esser morsa da un cane di grossa taglia, ma nonostante il grosso spavento non ne sono rimasta scioccata. spiego perchè: l’amore per i cani era talmente forte che non potevo aver paura di avvicinarmi ad un bellissimo cane perchè di taglia grande. così ho deciso di osservarli, di documentarmi e capire il loro comportamento. ora riconosco i segnali di cani pericolosi e, se ho paura, ho paura di loro, ma soprattutto dei loro “padroni” che li hanno cresciuti male. vorrei sottolineare questo: capire i segnali di pericolo aiuta a superare le paure, ma la paura dell’aereo, a differenza di quella dei cani, mi sembra meno irrazionale. la paura di un morso di cane può essere vinta studiando il loro comportamento; la paura di un aereo, a mio parere, non può essere vinta convincendosi che gli incidenti sono rari, che gli aerei sono sicuri, ecc… evidenzio le diversità:
    1) i cani NON hanno MAI reazioni improvvise, quindi se li capisci vai sul sicuro. su un aereo qualcosa potrebbe comunque andare storto e tu non ne hai il controllo.
    2) se un cane mostra segni di sfida ci sono comportamenti che puoi adottare per mostrare la tua sottomissione. se un aereo ha problemi in volo puoi solo dire un rosario
    3) se sai bene come agire, un cane che attacca può essere fermato. se un aereo cade, o finisci in acqua e magari ti salvi o cadi e poi risali in cielo con l’anima
    detto questo, capisco il buon intento del testo pubblicato, ma a me cercare di razionalizzare non serve a nulla. la paura dei cani è passata, la paura dell’aereo è sempre forte.

  • Ciao, ti ringrazio molto del commento che ho letto con attenzione. Purtroppo non posso ancora salutarti per nome ma al prossimo posti firmati pure così lo potrò fare.
    Intanto, complimenti che ora sei libera dalla paura dei cani !
    Cerco di risponderti per ciò che capisco dal tuo post, ovviamente ha senso approfondirlo con te.

    Come hai ben scritto non basta la “conoscenza” per risolvere la paura del volo, anzi, spesso la conoscenza peggiora la paura e razionalizzare di solito serve a poco.
    I cani e gli aerei sono ovviamente molti diversi tra loro così come le “reazioni” che abbiamo ma le PAURE hanno una struttura (uno schema di innesco) molto simile se non identico tra loro.
    Penso o vedo la cosa ed ho paura, sto male, talvolta mi blocco o mi allontanato.

    A livello inconscio ti riporto due macro argomenti: Controllo e Emozioni.
    Tipicamente è il controllo che la fa da padrone.
    Rileggendo bene i 3 punti che hai evidenziato, la grossa differenza mi pare stia proprio lì:
    – con i cani, sei in controllo e TU puoi cambiare la situazione
    – con gli aerei NON sei in controllo e facilmente si innesca la paura.

    Inoltre (emozioni) per i cani hai un amore profondo che crea una emotività buona verso di loro, forse con gli aerei non è così 🙂

    Ti propongo un piccolo gioco: immaginati per un secondo di essere la miglior pilota di aerei più esperta al mondo ed amare in modo pazzesco gli aerei, molto più di quanto non ami i cani.
    Cosa cambia ? 🙂

    Condivido che razionalizzare serva a poco, tutti i casi che ho incontrato hanno avuti queste cose in comune: emozioni e controllo.
    Per sentirsi liberi di volare, ciò che faccio, è lavorare a livello inconscio per cambiare le emozioni, mettendone di “utili” e gestire il controllo, facendo si che la persona si senta bene e libera di scegliere do volare.
    Ogni volta si aggiungono altre attività in base alle esigenze della persona.

    Mi sono basato su ciò che scrivi ma ti invito a contattarmi per capirlo bene, ogni caso è a se.
    Sono molto sicuro che avendo già superato una paura puoi superarne benissimo un’altra!
    Grazie del commento.

  • Ciao!
    Sto scrivendo in piena notte perché non riuscivo a dormire… e non riuscivo a dormire perché pensavo al mio prossimo viaggio aereo, che avverrà tra 1 anno (sì, hai letto bene, tra 1 anno!), e al solo pensiero… sono angosciata. 10 ore di volo che non so come gestire.
    Ho 31 anni e non ho mai avuto paura di volare finché non sono nati i miei figli. Da quando volo con loro sono pervasa da un’ansia incontrollabile, che attribuisco al fatto che ho paura soprattutto per loro, nel caso dovesse succedere qualcosa…
    La mia voglia di viaggiare mi porta spesso, per istinto, a prenotare vacanze in cui devo prendere l’aereo, ma subito dopo comincio a stare male fino al giorno della partenza… Sono una ragazza intelligente, ho due lauree con lode e sono una scrittrice, ma mi sento una completa imbecille quando si parla di volare! So che razionalmente i rischi sono davvero minimi, ma la paura c’è e rimane, nonostante io abbia letto libri al riguardo ecc.
    Vorrei sapere come fare per seguire questo metodo di cui parli (il coaching) perché non voglio più essere schiava di questa paura…

    • Ciao Elena mi chiamo Chiara e anche io ho 31 anni certo il tuo post è un po’ vecchio però anche a me è venuta la paura di volare però solo dopo che sono nati i miei figli o meglio ho paura di volare solo quando sono con loro.
      non abbiamo mai preso l’aereo tutti insieme ma mio marito vorrebbe tanto fare delle vacanze e portare i bambini con noi.
      Volevo sapere se a distanza di anni hai trovato una soluzione perché io sono disperata non so più come fare.

  • Io dovrò salire su un aereo tra una settimana e solo il pensiero mi distrugge.. Ho volato in passato sia ,medio e lungo raggio. Ma di ritorno dall’ iltimo viaggio mi sono spaventato e nn sono più voluto salire .. Aiutoo!! Tra una sett devo andare .

  • E con la fobia del vomito come si può fare? Ho 26 anni e da quando ho memoria ne soffro. Attacchi di panico giorno e notte, occasioni perse sin da bambina, chiusa in casa per evitare ogni pericolo. Anche il cibo era ed è nemico. E tra le tante paure derivate da questa, anche quella di volare a causa della paura del mal d’aria. Come scacciare dalla mente questa terribile fobia??

  • ciao anche io vorrei dei consigli perche tra un mese dovrò affrontare un volo di soltanto un’ora e mezza e da quando ho iniziato a soffrire di attacchi di panico e ansia generalizzata ho paura di prendere aerei e stare lontano da casa . vorrei sapere se queste cose si risolvono oppure dovrei convivere con queste stupide paure

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Federico Villani - Piazza Grande, 53045 Montepulciano SI - P.I. 02572830350

Privacy Policy | Cookie policy