Filosofia

filosofia_image

Il Coach

Credo fortemente che per essere un buon coach professionista bisogna essere allineati e congruenti con se stessi, in una parola: centrati.
Questa è la base che ti consente di essere scelto per come sei e per come lavori.
E’ l’inizio per produrre risultati duraturi e creare piacevoli rapporti interpersonali.

Prima di tutto: Essere.

L’identità del coach non la compri ad un corso è bene esserlo “naturalmente”.
Solamente dopo per farlo al massimo livello è necessario formarsi con il miglior Master presente in Italia, investire molto tempo nello studio e nella pratica per fare tue le più efficaci tecniche di cambiamento, grazie ai migliori formatori e Coach riconosciuti a livello internazionale.

Questo è stato il mio percorso.

 

Divertimento

Cosa c’entra il divertimento con il coaching? Beh si può fare coaching in modo divertente oppure noioso, che cosa preferisci?
Io sono per il divertimento.

Introduco un concetto: conosci la differenza tra serio e serioso?

Serio è relativo a ciò che facciamo, serioso può essere invece il modo in cui lo facciamo.
Adoro lavorare in modo serio ma non serioso, preferisco divertirmi.

 

L’eccellenza

Sono impegnato a produrre risultati per chi vuole eccellere, smettendo di stare nella mediocrità.
Ognuno di noi ha delle aree di miglioramento, alcune palesi, altre meno.
Ognuna di queste ha delle implicazioni.
Un esempio semplice: se il mio stato d’animo quando parlo in pubblico è poco utile, facilmente il risultato del mio discorso sarà scarso. Quanto vale per me questo risultato?
L’implicazione risponde alla domanda: che cosa può succedere se continuo così?
Lavorare per eccellere significa migliorare i risultati importanti per te.
Spesso ti rendi conto che vale la pena lavorarci dall’importanza dell’implicazione.

Il mio codice di condotta:

  • Lavorare in modo serio ma non serioso.
  • Divertirsi mentre si lavora.
  • Produrre risultati concreti, partendo dalla persona.
  • Essere un facilitatore del cambiamento. Nello stare bene e nell’ottenere il massimo, puntando ad obiettivi ambiziosi, sfidanti, fuori dal comune.